Timeline

  • 1979
    Da laboratorio a eccellenza


    Artigiana Arredi nasce dalla determinazione di Gianfranco Mioli che decide di aprire, con il fratello Eugenio, un laboratorio che “fabbrica su misura”. Dopo i primi anni, l'attività si stabilisce definitivamente presso la sede di Molino di Altissimo in provincia di Vicenza.
  • 1980


    Si unisce alla squadra il terzo fratello, Carlo.
    I tre progettano e producono cucine e alla fine del 1980, cominciano anche a commercializzare cucine e arredamenti in genere. È dei primi mesi dell'anno il primo modello prodotto interamente da Artigiana Arredi, porta il nome della neonata figlia di Gianfranco, Erika.
  • 1986


    L'azienda, sviluppa idee proprie, progetta e realizza cucine particolari, utilizzando materiali pregiati e creando soluzioni originali. Nascono in questi anni i modelli:
    Erika2, alta fino a cm 260, modulare;
    Flavia, frassino e laminato postformato;
    Liana, in noce nazionale;
    Allantè, modello con altissima personalità;
    Nadia, senza maniglie, noce nazionale biondo;
    Olmo, con piani granito Giallo Veneziano.
  • 1989


    Nascono i modelli:
    Giulia rovere, con masselli perimetrali.
    Sabrina in frassino naturale, con tozzetti ceramica incastrati nei top in legno.

    L'azienda amplia gli uffici e la sala espositiva, rinnova gran parte delle macchine di produzione e delle attrezzature e adotta un nuovo layout.
  • 1991


    Nascono i modelli:
    Giulia noce, con cottura in quarzite rosa, con intarsi in marmo rosa e granito nero;
    Elena noce, con schiene miste marmo verde e lamellare di faggio.
  • 1992


    Nasce Smile, con frontali in noce nazionale numerato a vene orizzontali.
  • 1994


    Nascono:
    Giulia ciliegio, con cottura e camino ad angolo ribassati
    Nadia, nella nuova versione con ante in noce nazionale biondo.
  • 1997


    Presentazione della collezione Stefy ciliegio, cucina con cottura ribassata e moltissimi intarsi in marmo, su gamboni della cottura e del tavolo e sugli schienali.
  • 1999


    Nascono:
    Hidra ciliegio scuro con piano di lavoro spessore 10 cm in marmo Carrara.
    Syria laccata opaca poro chiuso.
  • 2000

    Apre lo showroom di Vicenza.
    Inizia un percorso di rinnovo della modellistica e nascono:
    Sonia telaio e credenza su ruote, in castagno con sbiancatura esclusiva;
    Hidra in ciliegio sbiancato.
  • 2001


    Nasce Logica, cucina pensata per la bioarchitettura.
  • 2003


    Nascono:
    Ines castagno, con finitura sbiancata esclusiva
    Etra castagno sbiancato, con applicazione ortogonale dell'impiallacciatura.
  • 2004


    Nasce la collezione Dema castagno sbiancato, con credenza e tavolo.
  • 2006


    Nasce Queen, progetto di cucina scenografica.

  • 2008


    Nasce Cinquecento, la cucina ispirata all'architetto Andrea Palladio
    nel cinquecentenario della nascita.
  • 2009


    Artigiana Arredi rivolgendosi ad un pubblico sempre più esigente ed internazionale crea il marchio Arthesi, massima espressione di valore manifatturiero ed esclusività.
  • 2010


    Nasce Duchessa, anta a doppio massello, come l'ammiraglia Cinquecento ma senza barre in metallo. Il risultato è di elegante essenzialità, un involucro monocromatico che cela all'interno carte colorate ed elementi legno.
  • 2011


    Nasce Elegant, con l'innovativa anta a telaio ribassato laccato e specchio in legno.
  • 2012

    2012
    Gianfranco Mioli riceve il premio imprenditore d'eccellenza da Confartigianato.
  • 2013


    Nasce la collezione Dorian, materiali pregiati, massima libertà espressiva ed elettrodomestici all'avanguardia come l'innovativo sistema Bora, presentato in anteprima nazionale.
  • 2014


    Una delle più prestigiose riviste di arredamento russe dedica la copertina alla composizione Dorian esposta a Palazzo Visconti a Milano, in occasione di Eurocucina.
  • 2016


    A Fort Lauderdale (Florida), apre il primo showroom oltre oceano che espone un isola cucina della collezione Cinquecento.
  • Oggi

    Con una presenza in 42 paesi del mondo, la seconda generazione ha saputo cogliere le nuove sfide globali, riconfermando Arthesi quale marchio italiano d'eccellenza nel segmento delle cucine sartoriali.